Alla Scoperta del Mare del Salento

Il Salento, terra ricca di antiche tradizioni, si sviluppa per circa 150 chilometri tra il mar Adriatico e il mar Ionio. Le sue coste alternano naturali insenature rocciose a distese di sabbia fine e bianca, caratterizzate soprattutto da ampie zone verdi con piante e arbusti tipici della macchia mediterranea.

La località di Santa Maria di Leuca rappresenta il suggestivo punto di incontro tra i due mari, da dove è possibile esplorare via via lungo le coste le numerose spiagge e i numerosi lidi balneari.

Partendo da qui e proseguendo verso il versante ionico, si nota subito che la costa è prevalentemente bassa e sabbiosa. Qui, troviamo infatti le più belle spiagge, bagnate da un meraviglioso mare azzurro e cristallino. Le più conosciute e senz’altro le più apprezzate dai numerosi turisti, che ogni anno decidono di trascorrere qui le loro vacanze estive, sono: Torre Vado, le “Maldive del Salento” a Pescoluse, Torre Mozza, Lido Marini, Torre San Giovanni, Punta Pizzo e la litoranea di Gallipoli.

Il versante adriatico non è da meno in quanto a bellezza, dotato di una costa prevalentemente alta e frastagliata, in grado di regalare incredibili scenari panoramici e, bassa alternata a calette di sabbia nel tratto compreso tra Otranto e le marine di Lecce.

A partire da Punta Ristola, l’estrema punta di Leuca, si possono ammirare le prime grotte visibili dal mare, come la rinomata Grotta Zinzulusa. Proseguendo troviamo le più belle mete turistico-balneari della litoranea, come: le coste di Castro Marina e Santa Cesarea Terme, la piccola scogliera di Porto Badisco, le lunghe spiagge di sabbia dorata di Otranto e della località dei Laghi Alimini, i lidi sabbiosi di Torre dell’Orso e San Foca, San Cataldo, Frigole e Casalabate.


cartina