Casalabate

Uno scorcio della spiaggia di Casalabate (fonte foto TRnews)

Uno scorcio della spiaggia di Casalabate
(fonte foto TRnews)

Quanti sono, nel Salento, i tratti di spiaggia aperti, freschi, spaziosi, quelli in cui una volta arrivati non si ha più voglia di tornare indietro?
Tanti, tantissimi.
Ma c’è un lembo di spiaggia, uno in particolare, che batte tutti, ed è quel tratto di litorale di sabbia soffice e bianca che da Casalabate si estende sino a  Torre Rinalda, uno spazio di libertà pura che si rapprende in un panorama un tempo deturpato da un abusivismo selvaggio e sregolato. Proprio da questa voglia di riscatto, la spiaggia di Casalabate ha visto una lenta e graduale ripresa che ha puntato alla riqualificazione tanto del litorale quanto dell’attiguo centro abitato, che ha dato lustro e nuova linfa vitale alla costa che affaccia sull’Adriatico.
Un pezzo di spiaggia lungo, costellato da bellezze naturali che si diramano sino all’entroterra, arricchita dal verde di una vegetazione rigogliosa e da diverse tracce di insediamenti rurali, ma anche masserie fortificate e strutture ricettive.

L'abbazia di Santa Maria a Cerrate

L’abbazia di Santa Maria a Cerrate

Tra le varie strutture, domina la scena l’Abbazia di Cerrate, sulla strada provinciale che collega Squinzano a Casalabate, esempio significativo di romanico in Puglia, gestita dal FAI dal 2012 e risalente alla fine del XII secolo.

Puntando verso sud, un tratto di costa rocciosa, con scogliere piatte e caratteristiche, apre l’accesso a una spiaggia che da “Li Ronzi” si dipana sino a Torre Rinalda, caratterizzata da sabbia compatta e sottile, senza quasi nessun lido privato a interrompere il flusso naturale del territorio.
Un punto comodo per famiglie, considerando la tranquillità delle acque e il fondale basso, oltre ad essere sempre piuttosto ventilato, rendendo così piacevoli anche le giornate più calde in piena estate. La spiaggia è contornata da dune piuttosto basse e da una vegetazione ricca e rigogliosa, tipica della macchia mediterranea, che spiana il passaggio rendendolo agevole e adatto a praticare sport come jogging.
Il vento, come al solito, regola anche qui i movimenti del mare, ed è consigliabile la balneazione con venti di scirocco, che rendono le acque calme e piatte, mentre la tramontana tende ad agitarle parecchio, tant’è che è una meta amatissima dagli amanti del surf e degli sport velistici.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *