Torre Specchia Ruggeri

Home » La costa adriatica del Salento » Torre Specchia Ruggeri

Torre Specchia RuggeriTorre Specchia Ruggeri, ovvero una località salentina che si è meritata ampiamente le 5 Vele e la Bandiera Blu 2015 assegnate alle marine di Melendugno.
Un posto incantevole in cui la porzione di Adriatico su cui affaccia alterna spiaggette a piccole baie e calette selvagge, da cui si staccato porzioni di roccia che formano isolotti poco distanti dalla riva e raggiungibili a nuovo, denominati “isole asce”, che tradotto in italiano dal gergo locale significa letteralmente “isole basse”.

Perfetto per soddisfare il gusti tanto degli amanti del kitesurf nel Salento, che possono divertirsi con le onde sulla spiaggia di Torre Specchia, tanto degli amanti dello snorkeling e della pesca con canna, questo tratto di costa è particolarmente esposto allo spirare dei venti, e resta uno dei luoghi meno affollati in assoluto anche durante i periodi di alta stagione.

I fondali caraibici orlano la spiaggia di San Basilio, da cui si può facilmente accedere al mare per bagni rinfrescanti dalla calura estiva, mentre il vento di scirocco rende il paesaggio una cartolina degna di qualsiasi meta esotica.

Parallelamente alla costa corre una pineta, che inebria di profumi tipici della macchia mediterranea, con i suoi cespugli di erbe aromatiche e mirto, che corrono sino a interrompersi nel centro abitato, che si è sviluppato, tra l’altro, in tempi piuttosto recenti sotto l’amministrazione dei comuni di Vernole e Melendugno.

Il nome della marina è dato da quello dell’omonima torre, costruita nel 1568 come tutte le torri costiere a difesa del territorio dalle incursioni e le minacce di saraceni e pirati, una struttura a pianta quadrata con la forma piramidale.

La curiosità sulla zona e su queste spiagge, riguarda soprattutto gli amanti del kitesurf, che riescono a confluire a Torre Specchia anche durate il periodo estivo, vista la tranquillità del luogo.

La particolare conformazione della spiaggia, infatti, fa sì che sia facile poter sfruttare la maggior parte dei venti per planare sulle onde, a cui si può accedere anche grazie a un apposito canale di lancio, soprattutto nei mesi estivi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *