Brindisi

Home » Brindisi

Quando si decide di visitare il Salento con le sue bellezze e ci si trova sul versante adriatico, non si può prescindere dal fare una capatina sul litorale brindisino. Del resto, qui si trova tutto quello che si desidera, dalle bellezze tipiche pugliesi alle dune costiere, dalle antiche masserie fortificate agli oliveti secolari e alle aree naturali protette. Ma non c’è solo questo, perché il litorale brindisino si caratterizza anche e soprattutto per il mare limpido stretto nell’abbraccio di un versante sabbioso o roccioso. Qui c’è tutto quello che si cerca, ci sono spiagge e ci sono scogli, ci sono bellezze culturali e un bellissimo paesaggio mozzafiato, ma c’è anche il bel mare e la movida notturna che tanto attira i turisti di tutte le età.

Le principali bellezze del litorale brindisino

Prima di arrivare a Brindisi, si trovano tantissime bellezze per chi arriva sia dal Nord della Puglia, sia per chi giunge dal sud Salento. La città più nota del litorale brindisino è senza dubbio Ostuni, conosciuta anche come la “città bianca“. Possiamo dire senza esagerazione, che Ostuni è conosciuta in questo modo non solo per il colore bianco che contraddistingue tutti gli edifici del suo centro storico, ma anche per la trasparenza delle acque del suo mare che, lo ricordiamo, ha vinto diverse Bandiere Blu, che sono il più alto riconoscimento dato da Legambiente solo a quelle zone marine che si dimostrano degne sia a livello di acque che a livello di servizi offerti per i turisti che vi ci soggiornano.

Quello che rende speciale questa parte di litorale, sono soprattutto i 20 chilometri di spiagge incantevoli, che possono anche essere osservate anche dall’alto del colle su cui sorge il centro abitato, avvolto dalle antiche mura medievali: un vero e proprio spettacolo della natura che è imperdonabile perdersi. Ma non c’è solo spiaggia a Ostuni, dato che, per chi preferisce il litorale roccioso, ci sono le località di Costa Merlata, Torre Pozzella e Santa Lucia. Per coloro che, invece, amano le distese sabbiose, consigliamo vivamente Pilone e Rosa Marina.

Per chi ama i parchi e le oasi protette, camminando verso Brindisi, si trova il Parco naturale “Dune costiere da Torre Canne a Torre S. Leonardo” che è molto caratteristico dato che si tratta di un susseguirsi di zone umide, aree di sosta per l’avifauna acquatica migratoria, antichi oliveti e masserie fortificate. In questa zona nascono alcune delle più belle masserie che ci sono in Puglia, meta di matrimoni illustri e luogo di vacanza di personaggi famosi e non. Torre Canne, che fa capo al comune di Fasano, è una delle marine più belle della zona, nota non solo per le spiagge e per il bel mare, ma anche per le terme e per il pomodoro di Torre Canne, che è periodo Slow Food. Continuando a enumerare le frazioni di Fasano, si deve fare menzione speciale per Savelletri, una località piccola ma molto viva dal punto di vista della movida notturna, e famosa proprio per le masserie di cui si parlava poc’anzi. Giusto per fare qualche nome, vi parliamo di San Domenico Resort Torre Coccaro Resort, famose per i matrimoni importanti di cantanti, attori, milionari, nonché set di alcune riprese della soap opera più famosa del mondo: Beautiful.

Proseguendo, si trova la località di Carovigno che può vantare anch’essa un’oasi protetta di tutto rispetto: stiamo parlando della riserva marina di Torre Guaceto, che si estende per 8 chilometri di costa e 1200 ettari:anche qui si trova un mix assolutamente perfetto di dune costiere, zone umide, oliveti, fondali rocciosi e sabbiosi. Ma non basta, perché tutti coloro che sono amanti delle attività organizzate dai vari lidi, c’è la possibilità di fare sea watching, per esplorare i fondali, nonché dalle escursioni guidate.

Sempre sul litorale di Carovigno, infine, possiamo trovare Torre Santa Sabina, più immersa nella parte a sud del Salento. Come si può facilmente immaginare, questa splendida località prende il nome dall’antica torre che faceva parte di una più ampia struttura fortificata, alta 11 metri, atta a proteggere la località e l’entroterra, da attacchi nemici. Ma Torre Santa Sabina era conosciuta anche in epoca romana, quando divenne un porticciolo molto ambito dai nemici e, quindi, da difendere.

La città di Brindisi

Brindisi è una città che merita di essere visitata. A differenza di Lecce, la città sorge direttamente sulla costa ed è quindi bagnata dall’Adriatico. Tuttavia, per fare il bagno è meglio spostarsi fuori città. Brindisi rimane comunque una città molto viva dal punto di vista culturale e del divertimento ed è per questo che ne elenchiamo le principali bellezze da visitare. Essendo una città di origini remotissime (si parla dell’età del Bronzo) possiamo trovare delle testimonianze di tutte le epoche. Per quel che concerne il periodo medievale, in città si trova la Cattedrale, eretta tra l’XI e il XII secolo, la Chiesa del Cristo, del 1232, la Chiesa di San Benedetto e quella di San Giovanni al Sepolcro, famosa per la pianta circolare. Anche la Chiesa di Santa Maria del Casale fu costruita nell’epoca medievale. Fanno capo all’epoca rinascimentale, invece, la Chiesa di Santa Maria degli Angeli, quella di Santa Teresa, la facciata e il campanile della Cattedrale.  Da non perdere le vasche limarie, le colonne romane, la fontana Tancredi, la  Loggia Balsamo, i vari palazzi nobiliari e i vari monumenti disseminati per la città. A Brindisi, inoltre, c’è un’area archeologica importante. La città di Brindisi, però, non è solo arte e bellezze architettoniche: qui ci si diverte molto e per sapere i locali di tendenza basta cercare direttamente in rete.

Osservate queste foto spettacolari:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *