Baia Verde

Home » Gallipoli » Baia Verde

Baia verdeQuando si parla di Gallipoli ci sono due direzioni differenti che possono essere intraprese: il mare di Baia Verde e, se si tratta di giovani, il pensiero correrà ai lidi, alla movida, ai concerti, alle serate in discoteca o nei lidi attrezzati che si trasformano in disco all’aperto.

Se si tratta di famiglie, il pensiero, al contrario, andrà ai ristorantini in cui poter degustare pesce fresco, alla trasparenza delle acque del mare di Gallipoli, al giro nei vicoli della città vecchia, tra mercatini, negozietti, alla ricerca del souvenir che meglio possa rappresentare quella vacanza, una volta rientrati.

C’è, ancora, un luogo preciso a Gallipoli, rinomato ovunque, che descrive con due semplici parole la bellezza di questo angolo di Salento, un posto che identifica tanto una zona residenziale, seppur decentrata dal cuore antico della cittadina, quanto ormai un vero e proprio desiderio tra i miti vacanzieri: Baia Verde.

divertimento Baia Verde
Un mare incontaminato, dai fondali bassi e sabbiosi costituiscono questa parte della città, che si estende per circa tre chilometri a partire da Lido San Giovanni, il lido più antico della costa situato nei pressi dello stadio comunale, sino a Torre del Pizzo, tra dune e stabilimenti balneari, hotel e pinete. Un luogo che di giorno resta un paradiso per gli amanti del mare e dei bagni di sole, oltre che dei tuffi, considerando l’ampia distesa di sabbia dalla consistenza di una nuvola, su cui rilassarsi e lasciar scivolare ogni pensiero.
La sera, gli stessi stabilimenti balneari che di giorno offrono riparo dal sole e ristoro con frutta fresca e snack, si trasformano in vere e proprie discoteche all’aperto, con prezzi abbordabilissimi, tanto da attirare innumerevoli gruppi di ragazzi in cerca di divertimento, che si ritrovano a trascorrere le nottate passando da un lido all’altro, con qualche puntata nelle varie discoteche o al Parco Gondar, che affianca lo stadio.

mare di Gallipoli

fonte foto Tillate.com

Le spiagge di Baia Verde sono, proprio per questo motivo, tra le zone più frequentate di tutto il Salento, e l’insenatura accoglie allo stesso tempo l’omonima zona residenziale, un tempo meta di gallipoli e altra gente locale che si spostava per l’estate in villeggiatura, ora per lo più una sorta di grande quartiere che diviene una zona a traffico limitato.

Proprio qui si riversano soprattutto migliaia di giovani, che richiedono espressamente villette in affitto nei paraggi, che consentono di vivere la propria vacanza in un punto strategico, a maggior ragione se senza mezzi.

Col tempo Baia Verde si è così popolata da prevedere all’interno diversi esercizi commerciali, ma anche una chiesa e varie strutture ricettive, che si sono affiancate alle villette a schiera e alle case che è possibile affittare. Quel che è certo è che questa parte di Gallipoli resta, soprattutto nei mesi di alta stagione, uno dei luoghi anche più affollati, tanto da costringere a direzionare il traffico in un solo senso (verso sud), che spesso resta congestionato nonostante ci siano diverse aree di parcheggio (a pagamento).

Punta della suina mare
Tolto questo suo lato “rock”, dovuto soprattutto alla vicinanza con la schiera di stabilimenti balneari, quel che non tutti sanno è che il mare di Baia Verde cinge in un dolce abbraccio il Parco naturale regionale Punta Pizzo Isola di Sant’Andrea, proteggendo l’intera costa dall’erosione marittima grazie a una catena di dune che si snoda dolcemente lungo tutto l’arenile.

Tra i cespugli di mirto, timo, rosmarino, il paesaggio diviene habitat unico e ideale per una particolarissima specie di ginepro, il ginepro coccolone, così definito per le sue bacche, oltre a offrire la possibilità, da prendere come una preziosa opportunità, di intravedere anche qualche gigio di mare tra le dune sabbiose, ormai rarissimo.

Per villeggiare a Gallipoli, ecco qualche suggerimento di strutture in cui poter prenotare:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *