Torre dell Orso

Home » Torre dell Orso

Quello che rende Torre dell’Orso un vero e proprio diamante sulla costa adriatica del Salento è la sua inconfondibile peculiarità: la spiaggia sembra essere una distesa infinita di pagliuzze dorate. Un qualcosa di veramente unico nel suo genere. Inoltre, Torre dell’Orso sta diventando sempre più meta di un turismo non di massa, bensì di quella nicchia di amanti delle calette, degli anfratti da scoprire e del relax in spiaggia. Un pezzo di paradiso assolutamente imperdibile per chi arriva in Salento e vuole godere a pieno delle sue bellezze.

Arrivando da Lecce  si devono percorrere circa 27 km ma, sebbene la distanza potrà sembrare tanta per qualcuno,  gli ulivi secolari, le piante di fico d’india  e i tanti muretti a secco che si incontreranno lungo il cammino renderanno tutto più leggero, quasi bucolico. Tutto questo non farà pesare il viaggio a tutti coloro che desiderano arrivare in un paradiso abbastanza incontaminato. Torre dell’Orso, assieme a Roca, San Foca e Sant’Andrea, è una marina di Melendugno e, pertanto, è anche molto vicina al paese, dove si potrà trovare tutto quello che si cerca.

Torre dell'orso

Ma da cosa deriva il nome Torre dell’Orso? Questa è, molto probabilmente, la domanda che si fanno tutti i turisti che vi arrivano. Il nome, alquanto bizzarro, deriva dalla presenza in loco di una torre del XVI secolo, mentre sull’orso ci sono diverse ipotesi e scuole di pensiero: la prima fa risalire il nome alla foca monaca (che sarebbe l’orso in questione), mentre la seconda fa risalire il nome a Urso, ossia al cognome di quello che potrebbe essere stato uno dei proprietari della corsa. Ma non finisce qui: alcuni parlano di uno scoglio a forma di orso, che darebbe il nome alla località, altri ancora fanno risalire il nome al monastero di Sant’Orsola. Insomma…chi più ne ha più ne metta. Qual è la versione esatta? Non sappiamo dirvelo con assoluta precisione, ma anche questo aggiunge quel quid di mistero che rende il tutto ancora più interessante.

Torre dell’Orso è stata insignita più volte nel corso degli ultimi anni del riconoscimento della Bandiera Blu di Legambiente, che premia solo le località marittime con un mare straordinario e che riescono ad offrire anche molto a chi le visita in termini di servizi. Questo significa solo una cosa: che vi trovate dinanzi a una delle spiagge e delle distese di mare più belle che ci siano in Europa. Quello che caratterizza Torre dell’Orso è la sabbia finissima, che ricorda quelle spiagge caraibiche che fanno gola a molti e che si possono trovare anche nel nostro amato Salento. Il mare è pulito e trasparente ed è adatto anche per i più piccoli che, non solo avranno a loro disposizione tantissima spiaggia su cui correre e giocare, ma potranno anche fare il bagno in tutta tranquillità. Ma non ci sono solo distese di spiaggia e mare cristallino. Guardando verso il mare, infatti, non si possono non scorgere loro le due sorelle, ossia due enormi scogli che svettano nel mare e che, per vicinanza, sembrano proprio due sorelle intente a confidarsi segreti intimi. Inoltre, nella zona ai piedi della torre sorgono anche le famose Grotte di San Cristoforo nelle quali vengono conservati dei graffiti di epoca primitiva. Infine, per chi desidera trovare riparo dal sole, qui c’è anche una grande pineta, molto amata dagli avventori delle spiagge libere che vi trovano ristoro dopo un’intensa giornata al sole.

Torre dell'Orso

Come detto, la Bandiera Blu attesta anche la presenza di diversi servizi in loco. Diversi sono i lidi attrezzati che aspettano famiglie, comitive di amici e chiunque voglia affittare un ombrellone e un lettino per godersi una bella giornata diversa dal solito. Dal punto di vista, invece, della vita notturna, segnaliamo El Chiringuito, un bar in località Pineta che negli ultimi anni va per la maggiore. Qui si suona spesso live e si possono bere degli ottimi cocktail.

Le due sorelle - Torre dell'Orso (Lecce)

Cosa c’è da vedere a Torre dell’Orso? Chi arriva in queste località marittime spesso non si aspetta di vedere granché dal punto di vista dei monumenti, ma consigliamo, comunque. Una visita alla Torre di Guardia  che dà il nome all’isola. La torre, come molte alte della zona, risale al XVI secolo e venne costruita per cercare di proteggere l’entroterra salentino dall’attacco dei Turchi. I lavori per la costruzione della torre risalgono al 1568. Nel 1577 il sindaco di Lecce la fece armare di falconetto di bronzo.

Torre dell'orso "le due sorelle"

Torre dell’Orso dista 15 km da Otranto e dalla Baia dei Turchi, 27 km da Lecce, 40 km dalle Marine di Nardò, 44 km da Gallipoli. Chi arriva qui si deve preparare a un mix di emozioni, perché si combinano alla perfezione mare, spiagge bellissime, relax, ma anche movida e storia. Una meta davvero imperdibile.

Ecco di seguito un link con diverse proposte per vacanze a Torre dell’Orso: http://www.nelsalento.com/torre-dell-orso.html


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *